New Super Mario Bros U

marioTutti lo aspettavano, forse non per giocarci subito, ma sicuramente non c’è mai stata e non ci sarà mai una Console Nintendo senza il suo Mario che si rispetti. Che esso sia in due o tre dimensioni, con o senza compagni di scampagnate, tutte le Console della grande N possiedono la propria trasposizione dell’idraulico italiano che così profondamente ha scritto la storia dei videogame, diventando l’ambasciatore più autorevole e famoso del medium ludico.

Con l’arrivo di Wii U, non poteva certo mancare per il Natale, l’avvento di un nuovo Super Mario, nonostante ne sia uscito Uno proprio recentemente per 3DS, fortemente incentrato sulla raccolta delle monete. In questo caso, con l’arrivo di Wii U, Nintendo ha messo da parte gli esperimenti ed ha virato ad un New Super Mario Bros che potesse essere un compromesso soddisfacente di fattori finora sconosciuti alla generazione Nintendo: alta definizione ed iterazione con il tablet di gioco che caratterizza la Console. Il connubio di obiettivi è stato centrato ? Siamo di fronte ad un’altra pietra miliare della storia videoludica ? Premiamo Start ed andiamo a scoprirlo !

Cronaca del super classico intramontabile

A scanso di equivoci, la trama di Super Mario è pressoché sempre la stessa. Mentra un bel pomeriggio Mario, Luigi e i due Toads stanno prendendo un rilassante Tè con l’incantevole Principessa Peach, quando ad un certo punto irrompono con un mezzo aereo Bowser e i suoi Koopalings. Quest’ultimi si arroccano nel castello, sequestrano la povera Peach e defenestrano con un lancio kilometrico i quattro paladini Nintendo che dovranno ripercorrere la strada verso il castello, passando tra i classici mondi di gioco, suddivisi loro stessi da stage, sotto livelli e mini-boss finali. L’introduzione quindi per questioni di tradizione, non va minimamente a incidere sulla novità, dando, qualora ce ne fosse bisogno, un incipit al classico del classici intramontabile. Ad un primo impatto, qualora si disponesse di un dispositivo per l’alta risoluzione di media-alta fattura, l’alta definizione di Super Mario U è davvero strabiliante: design semplice ma colorato, fluidità nei movimenti e soprattutto divertimento fin dai primi istanti. Andando a scandagliare bene le specifiche Nintendo Wii U, pare subito evidente come la nuova Console della casa di Kyoto, sia stata disegnata appositamente per far si che mario dia il massimo di se sulle due dimensioni: un processore tutto sommato contenuto viene compensato da una scheda video all’avanguardia che riesce a dare prestazioni grafiche sorprendenti e Super Mario Bros U ne è il lampante esempio. Il prodotto come da tradizione per la serie “New” fin dalle sue origini su Wii è affrontabile per un totale di quattro giocatori contemporanei sullo schermo. Come in passato duole ammetterlo, ma è in fin dei conti parte del divertimento stesso, la modalità a quattro giocatori è decisamente caotica e difficilmente godibile se non per pura accademia del divertimento.

Specialmente nei livelli più avanzati, pare da subito evidente come essere in quattro sullo stesso schermo senza possibilità di penetrazioni poligonali tra i personaggi alleati, sia pressoché matrice di infiniti game over. Saltare gli ostacoli in certi frangenti di gioco è assai difficile, sbagliare il salto perché ostruiti da un compagno comunque in buona fede, non rende l’esperienza di gioco ottimale per portare a conclusione il titolo. Per contro una partita a due giocatori può rivelarsi essere un’esperienza cooperativa valida ed entusiasmante.

Una delle feature al di la dei poteri accessori che ogni Super Mario Propone (Mario con deltaplano questa volta) è la possibilità di poter affrontare i livelli di gioco sfruttando molteplici soluzioni di Gameplay e percorsi Platform differenti, alle volte accedendo a percorsi di gioco fruibili solo con poteri sbloccabili in frangenti di gioco successivi. A tal proposito Nintendo ha fatto forte pubblicità tra i fan della serie, sul fatto che il giocatore possa letteralmente “inventarsi” percorsi di gioco non previsti neanche dagli sviluppatori. Questa presunta feature pare essere invece ben lontana dalla sua utopica realizzazione, ma il risultato finale da ragione allo sforzo del concept di gioco che risulta essere profondamente vario, dinamico ed incentiva alla rigiocabilità di ogni singolo livello del titolo.

Ciò che a nostro avviso non è riuscito particolarmente bene, è paradossalmente l’interattività nel nuovo tablet con il gioco. Andando al di là della decantata possibilità di giocare sul Pad con televisore spento o proiettante un altro segnale video, il rimanente delle feature di gioco è relegato alla possibilità da parte di un utente terzo non presente nella partita di fare da “Platform Master” per gli altri giocatori in gioco. Quest’ultimo potrà infatti creare piattaforme di gioco che agevolino in modo piuttosto consistente la prosecuzione dell’Avventura dei Mario & Soci giocanti, suggerendo in molte occasioni i famigerati percorsi di gioco alternativi, altrimenti difficilmente raggiungibili.

New Super Mario Bros Uultima modifica: 2019-05-20T19:23:47+02:00da goldgame
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.