Recensione Naruto Shippuden – Ultimate Ninja Storm 3

Nella sempre più vasta categoria dei tie-in, quelli dedicati a celebri manga e anime sono ormai da anni tra i più riusciti, ed in questo senso i vari Naruto hanno contribuito non poco ad innalzare il livello qualitativo dell’intera categoria. Alla luce di tali premesse, tutti si aspettavano dunque parecchio dall’ultima fatica di CyberConnect 2… ma Naruto Shippuden : Ultimate Ninja Storm 3 si sarà rivelato davvero all’altezza delle aspettative?

narutoLa storia riprende esattamente dal punto in cui ci aveva lasciato Ultimate Ninja Storm 2, ripercorrendo le vicende del manga fino alla Quarta Guerra Mondiale Ninja, che peraltro è raccontata quasi nella sua interezza. Com’è facile intuire, così come in passato, gli sviluppatori hanno dunque dedicato ampio spazio alla narrazione e questo, pur traducendosi in prevedibili quanto spesso lunghissimi cut-scene, contribuisce non poco ad accrescere il coinvolgimento nella realtà proposta.

Ad onor del vero la struttura narrativa e lo stile con cui gli eventi vengono raccontati ora dopo ora hanno parecchi alti e bassi – in alcuni momenti il pathos scende in maniera significativa – ma ciò non toglie che qualsiasi appassionato della serie andrà comunque incontro ad un’esperienza ricca e coinvolgente. Tutto, come da tradizione, è stato infatti riportato con grandissima fedeltà narrativa e cronologica e, complici anche svariati flashback, non vi sono buchi narrativi di sorta che possano in qualche modo penalizzare chi non avesse avuto modo di seguire il manga o l’anime nella sua interezza.

In termini di gameplay il titolo conferma tutto ciò che di buono si è visto nelle passate edizioni del franchise senza proporre alcuna vera rivoluzione, ma ciò non toglie che siano comunque state introdotte alcune novità che stuzzicheranno senz’altro l’interesse di molti.

Lo stato di Risveglio, ad esempio, può ora essere attivato in qualsiasi momento – anche se questo comporta una profonda riduzione dell’indicatore chakra – e per la prima volta nella storia della serie è stata introdotta la possibilità di effettuare – e dunque anche subire – quello che viene comunemente definito “ring out” in ambito di wrestling, con conseguente sconfitta immediata. E non finisce qui visto che sono state introdotte anche delle sequenze in perfetto stile musou che pur essendo tutt’altro che perfette, testimoniano quanto gli sviluppatori si stiano impegnando per proporre sempre qualcosa di nuovo che possa accrescere la varietà complessiva dell’esperienza.

Al fine di accrescere la componente tattica dell’esperienza, è poi possibile avvalersi dell’aiuto di due personaggi aggiuntivi per finalità offensive, difensive e di supporto – potrebbero, ad esempio, essere usati come agnelli sacrificali in caso vengano utilizzate contro di noi tecniche supreme.

Recensione Naruto Shippuden – Ultimate Ninja Storm 3ultima modifica: 2016-11-09T16:23:57+00:00da goldgame
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.